Uno scatto ogni 4 secondi per un’ora e 30 minuti: è questo il tempo servito al francese Jean-Michel per realizzare il video in time-lapse di un ragno che tesse la sua tela. [banner] Tramite la macchina fotografica tutta la perfezione della natura riesce ad apparire per un attimo imperfetta, con linee oblique e sequenze storte. Eppure, l’imperfezione del ragno risulta solo apparente, perchè a lavoro terminato il disordine iniziale si trasforma nell’ordine di una ragnatela bellissima.

Prima di lasciarvi al video, una piccola curiosità:
Lo sapevate che anche i ragni riciclano?
La produzione delle ragnatele infatti, in termini di risorse, è assai dispendiosa per un ragno. Pertanto l’aracnide, al fine di limitare il dispendio di capacità, ricicla la propria tela: quando questa non è più funzionale (dopo due giorni perde la propria vischiosità) o quando risulta gravemente compromessa, il ragno la utilizza come cibo, salvando comunque l’archifilo (il filo principale della struttura).

Leggi anche...  Adidas, stampate in 3D le prime scarpe create con plastica recuperata in mare