La natura non smette mai di stupire con le sue forme più inusuali e fantasiose. Sapevate, per esempio, che esistono laghi, depressioni, paludi, atolli, caverne e persino eruzioni solari a forma di cuore? Per festeggiare in grande stile San Valentino abbiamo raccolto le più romantiche cartoline “a tema” fotografate nel mondo naturale…

Nello Utah esiste una caverna a forma di cuore: la località si trova nei pressi dell’Arches National Park, la più grande collezione di archi scolpiti nella roccia presente in natura.
San Valentino: anche la natura festeggia!

Questa è la piccola isola croata di Galešnjak (appena 500 metri di lunghezza) fotografata dal satellite giapponese ALOS nelle acque dell’Adriatico. Grazie alla popolarità ottenuta dalle immagini satellitari l’isola – che è disabitata – è diventata la meta ideale di molte coppie. Il suo proprietario ha raccontato di aver ricevuto molte richieste da parte di innamorati che volevano trascorrervi il giorno di San Valentino.
San Valentino: anche la natura festeggia!

Anche all’interno della Grande Barriera Corallina Australiana esiste una “romantica” formazione corallina denominata, non a caso, Heart Reef!

Questa che vedete è la parte nordoccidentale del Lago d’Aral, al confine tra Kazahstan e Uzbekistan, fotografata dal satellite Landsat.

In Brasile invece, c’è il lago salato Pantanal che con i suoi 150.000 km di estensione è la più grande zona umida di tutto il Pianeta.

Dopo le grandi nevicate, arriva il disgelo. E su questo pendio della regione della Kamchatka, Russia, è rimasto solo un fazzoletto di neve, a forma di cuore.
San Valentino: anche la natura festeggia!

A Naples, in Florida, è stato fotografato un buco formatosi in un albero: una romantica tana usata come riparo da una famiglia di uccellini…
San Valentino: anche la natura festeggia!

Leggi anche...  Il sole che sorge

Questo fiore californiano (Dicentra formosa) è denominato “bleading heart” (cuore sanguinante) forse a causa del colore rosa e della curiosa forma: osservato da vicino ricorda infatti un cuore “spezzato”, con una goccia di sangue che cade dalla ferita.

Fonte: Focus.it