Al prossimo Salone del Mobile di Milano – che si terrà dall’8 al 13 aprile – verrà presentata una rivoluzionaria bottiglia di plastica interamente commestibile e fatta… senza plastica!

L’idea riprende una tecnica utilizzata per dare forma a sostanze liquide scoperta nel 1946 e ripresa ultimamente con successo da molti cuochi molecolari. In sostanza si tratta di una gelatina trasparente simile ad una bolla piena d’acqua, che può essere mangiata per intera oppure morsa, succhiata e richiusa tramite pressione delle labbra.
Ooho – questo il suo nome – è fatto di alghe e cloruro di calcio e, oltre ad essere commestibile, è anche molto economico: realizzarne uno costa infatti solo 2 centesimi e potrà essere preparato anche in casa modificando la ricetta a piacimento, assicurano gli ideatori.

L'acqua del futuro? E' solida e si berrà in bolle!L’obiettivo ovviamente è quello di abbattere lo spreco di plastica, incrementato maggiormente proprio dal consumo di bottigliette d’acqua.
Grazie alla tecnica detta “sferificazione”, l’acqua sarà prima congelata e poi incapsulata , per facilitare il procedimento ed evitare che si mescoli con il contenitore; in questo modo Ooho potrà essere portato tranquillamente in borsa, senza pericolo che il contenuto venga contaminato da agenti esterni.
“Abbiamo applicato una versione evoluta della sferificazione a uno degli elementi più essenziali della vita: l’acqua”, commenta Rodrigo García González – disegnatore di Ooho insieme agli studenti Pierre Paslier e Guillaume Couche.

A vedere dal video diffuso per promuovere l’idea, avanziamo qualche dubbio sulla praticità dell’utilizzo di Ooho, ma per il resto il progetto sembra aver convinto i più esperti, aggiudicandosi addirittura l’ambito premio Lexus Design Award.

 

 

 

Leggi anche...  Francia, se vai a lavoro in bici ricevi 25 centesimi a km