Un recente lancio di Threadless è un’iniziativa straordinaria e poliedrica per combattere COVID-19, una vittoria per i consumatori che cercano di rimanere al sicuro, operatori sanitari in prima linea e artisti e creativi.

La società di e-commerce con sede a Chicago ha annunciato questa settimana che rilascerà maschere progettate da artisti, con una parte del ricavato destinata a MedShare, un’organizzazione no profit che fornisce forniture mediche alle comunità bisognose. Con il lavoro di Rob Sheridan, Alex Norris e Mukta Lata Barua, la faccia di stoffa si conforma alle linee guida del CDC ma non è di grado medico.
Jake Nickell, fondatore e CEO di Threadless, ha dichiarato a Colossal che in soli sei giorni la società ha raccolto $ 100.000 e ha aumentato il suo obiettivo a $ 250.000. “Quando il CDC ha pubblicato le linee guida per indossare maschere di stoffa, sapevamo che la nostra comunità di artisti avrebbe chiesto a gran voce di progettarle e che avremmo potuto raccogliere molti finanziamenti per i lavoratori in prima linea attraverso la vendita di maschere”, ha affermato.

“Le maschere stanno cercando di far parte della nostra cultura per il prossimo futuro, quindi (noi) potremmo anche esprimerci un po ‘attraverso l’arte e il design quando le indossiamo.” La mossa coincide con la decisione di Threadless di offrire agli artisti il ​​60% delle vendite di abbigliamento dai loro negozi, anche se la società ha affermato che molti stanno donando i profitti delle loro maschere.
Gli artisti e le piccole imprese sono incoraggiati a partecipare all’iniziativa caricando i loro disegni e loghi. Acquista la tua copertura facciale da Threadless e segui i progressi dell’azienda su Instagram. Se non hai bisogno di una maschera ma vuoi ancora aiutare, puoi fare una donazione sul sito di MedShare.

Leggi anche...  Guerra de la Paz, gli artisti degli stracci!

www.thisiscolossal.com

Commenta